Uno sguardo al passato e uno al futuro

Avete presente Giano Bifronte, la divinità bicefala costituita da una testa e due volti che, secondo la leggenda, consentono al dio di vedere il passato e il futuro? La storia che stiamo per raccontarvi è quella di un’azienda in cui le vecchie tradizioni e l’esperienza del passato convivono in perfetta armonia con la più avanzata tecnologia e i moderni macchinari a disposizione e, come ogni storia che si rispetti, inizia con le parole “c’era una volta”.

C’era una volta, dunque, nei favolosi anni ‘50, quelli del rock ‘n’roll, dei blue jeans, delle t-shirt e delle pin up, un uomo di nome Bruno Chiaruttini che diede vita, in una zona ad elevata tradizione tessile, ad un calzificio specializzato nella produzione per conto terzi di calze classiche per uomo e per bambino.

Nel decennio successivo, i mitici anni ‘60, quelli del boom economico, grazie alla capacità tessile e alla serietà imprenditoriale del signor Bruno, e ai conseguenti riscontri positivi del mercato, la produzione crebbe sempre di più, consentendogli di creare marchi propri per la distribuzione di calze classiche.

Gli anni ‘70, anni di libertà, trasgressione, lotte politiche, ma anche di grande creatività in tutti i campi, furono per Chiaruttini anni di consolidamento e di apertura a nuovi mercati. Il futuro cominciò a fare la sua comparsa: sotto l’egida del padre Bruno, il figlio Claudio cominciò a muovere i suoi primi passi nell’azienda paterna, dedicandosi a sviluppare l’export.

La sede Accapi di Rezzato nel nord Italia

Con un occhio rivolto al passato, quindi all’esperienza e alla tradizione paterna, e uno al futuro, negli anni ‘80, il ruggente decennio delle spalline e dei capelli cotonati,  grazie a nuovi investimenti vide la luce il marchio ACCAPI – acronimo di High Performance – che si specializzò nella realizzazione di calze tecniche per ogni sport, nel segno del più rigoroso ingegno made in Italy.

Negli anni ‘90, quel decennio schiacciato tra la fine degli anni leggeri e spensierati appena terminati e la voglia, quasi frenetica, di scoprire il fantomatico 2000, protagonista di fantasie e fantascienza, Accapi cominciò a sviluppare nuovi brevetti originali, consolidando la propria presenza dapprima nel mercato italiano e, successivamente, in quello estero.

Panta Rei, tutto scorre, affermava il greco Eraclito, per simboleggiare il fluire del tempo, il divenire: chi si ferma è perduto. E Accapi, nel futuro oramai divenuto presente, quel 2000 agognato e immaginato in mille diversi modi, non conobbe sosta e, anzi, decise addirittura di diversificare l’offerta, affiancando alla produzione di calze una linea di abbigliamento intimo tecnico per uomo, donna, bambino.

Ogni storia che si rispetti termina con le parole “e vissero tutti felici e contenti”. Quella che vi abbiamo narrato, che è la storia di una tipica azienda familiare italiana, che dalla fine degli anni ’90 si avvale della professionalità di Cristina, e che nel successivo decennio ha salutato anche l’ingresso di Nicolò, a rappresentare la nuova generazione Chiaruttini, fa eccezione. Il punto finale non è ancora stato messo, il nuovo futuro è pronto a divenire più che mai presente: le parole più idonee per concludere la storia di Chiaruttini e di Accapi sono to be continued.

“Piuttosto perdonare un brutto piede che delle brutte calze”

(Karl Kraus)

  •  

    Gli esordi

    In un’area ad elevata tradizione tessile nasce il calzificio Bruno Chiaruttini specializzato nella produzione per conto terzi di calze classiche da uomo e bambino.

  •  

    La crescita

    La produzione cresce, i riscontri del mercato sono positivi, la capacità tessile e la serietà imprenditoriale creano i presupposti per lo sviluppo futuro e Chiaruttini crea marchi propri per la distribuzione di calze classiche.

  •  

    Il consolidamento

    Sono anni di consolidamento e apertura di nuovi mercati. Al sig. Bruno si affianca il figlio Claudio, la cui visione più internazionale sviluppa l’export.

  •  

    L’evoluzione

    Nuovi investimenti consentono al calzificio Chiaruttini di inserirsi nel mercato delle calze sportive: nasce il marchio ACCAPI – acronimo di High Performance – rigorosamente made in Italy.

  •  

    La specializzazione

    Il mercato e i clienti richiedono maggiore specializzazione: vengono abbandonate le produzioni basiche per dedicarsi alla ricerca e all’innovazione e  inizia l’era delle calze tecniche sportive a struttura differenziata. La calza diventa un “attrezzo” fondamentale per ogni sport.

  •  

    La tecnologia

    Il mondo e le tecnologie sono in continua evoluzione. ACCAPI è sempre più vicina agli sportivi e ai loro problemi ed è consapevole che fare sport in ambienti freddi e senza le giuste attrezzature può essere fatale. Il concetto di protezione diventa una mission del brand.

  •  

    La svolta

    Con nuovi investimenti in macchine a tecnologia seamless ACCAPI inizia la produzione di intimo tecnico.

  •  

    I nuovi sistemi di protezione

    Accapi presenta al mercato underwear e calze ERGORACING, un sistema di protezione che riscuote grande successo.

  •  

    I raggi infrarossi

    La sezione ricerca e sviluppo di ACCAPI intuisce che il futuro del benessere, soprattutto nello sport, sta nell’utilizzo delle proprietà dei raggi infrarossi e si dedica a studi e ricerche con importanti università italiane e internazionali per verificare i benefici di alcune fibre tessili.

  •  

    POLARBEAR

    Nascono l’underwear e la calza POLARBEAR, dotati di un’elevatissima capacità termica isolante. Creati utilizzando un filato cavo, che trae ispirazione dai peli cavi dell’orso Polare, e reinterpretati con le nuove tecnologie in fibre cave, sono capi unici e apprezzati dal mercato.

  •  

    I primi risultati nella calza…

    Dopo gli anni di sperimentazione e di test clinici, ACCAPI presenta al mercato sportivo la prima calza tecnica a struttura differenziata ad emissione infrarossa, le cui proprietà migliorano il microcircolo e il recupero, offrendo un surplus alle calze tradizionali.

  •  

    … e nell’intimo.

    Accapi presenta al mercato sportivo ACCAPI PRO, il primo intimo ad emissione infrarossa, le cui proprietà migliorano le performance e il recupero. È la nascita di una nuova era.

  •  

    L’infrarosso

    I raggi infrarossi emessi dai capi ACCAPI conquistano autorevolezza e anche gli scettici si convincono. Non solo atleti e preparatori, ma anche organi di controllo certificano la loro efficacia, e gli sportivi lo confermano. ACCAPI sviluppa e deposita una linea di supporti ortopedici certificata dal Ministero della Salute Italiano assegnandole il marchio CE.

  •  

    Tecnologia alla moda

    Nasce la struttura brevettata CRYSTAL TRAMA che, grazie ad una speciale lavorazione tessile, conferisce all’underwear tecnico anche un look tecnologico estrememente glamour.

  •  

    EQT

    Lo studio continuo dei nessi tra le proprietà delle fibre tessili e i loro effetti sul corpo taglia un ulteriore traguardo: ACCAPI presenta EQT, equilibrium system, un sistema che, integrato nei capi underwear, migliora e ottimizza sensibilmente la stabilità posturale.

  •  

    HEALTH POWER

    Accapi presenta il sistema innovativo in grado di incrementare forza massimale, recupero con conseguente incremento della capacità dell’organismo di sostenere allenamenti ad alta intensità, incremento della potenza aerobica. I risultati sono verificati dal test di Cooper che è riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale.
  •  

    EXS

    Ogni corpo umano così come ogni indumento da indossare sono diversi tra loro, per questo motivo Accapi ha elaborato il sistema EXS che rappresenta un sistema di ottimizzazione e modulazione dei parametri che compongono un capo Accapi. Parametri dimensionali delle fibre, del tipo di intreccio o trama, tipologie di filati con caratteristiche tecniche differenti tra loro.
  •  

    WAVE

    ACCAPI presenta ta tecnologia WAVE e sviluppa una linea di calze tecniche sportive che unisce la struttura wave alla già nota taping, utilizzata in ambito tessile in abbinamento alle potenzialità dell’infrarosso.

  •  

    2018 et alii…

    Accapi sempre in filo…stay tuned!

?

2006

Nel 2006, la costante attenzione all’innovazione porta Chiaruttini a conoscere un rivoluzionario filato che ha la proprietà, unica e particolare, di emettere una naturale e costante energia, nella gamma di frequenza dell’infrarosso, in grado di interagire con i fluidi e i tessuti del corpo.

Design e stile Italiano

Accapi significa tecnologia, ergonomia ma anche fascino, i nostri designer attenti alle tendenze cromatiche e stilistiche internazionali riescono a rendere “Glamour” ogni capo tecnico per soddisfare gli atleti più esigenti.

Tecnologia tessile

Il parco macchine Accapi è dotato di moderne tecnologie come macchine seamless che permettono di realizzare tubolari senza cuciture, macchine per il rimaglio delle calze e rifinitura di guanti e accessori.

Artigianalità

In ogni fase di esecuzione l’uomo interagisce e completa ciò che la tecnologia crea perché noi di Accapi crediamo che solo l’uomo sia la “macchina” perfetta alla quale affidare il compito di rifinitura.

Lavaggi

Al termine dei processi produttivi Accapi sottopone i prodotti a trattamenti anallergici di prelavaggio, ammorbidenti, batteriostatici e conferendo ai capi morbidezza e igiene.

Packaging

Grande attenzione è posta alla realizzazione delle confezioni che devono ottimizzare l’esposizione nei punti vendita facilitando la scelta da parte del consumatore finale informandolo sui benefici offerti orientandolo nella scelta del prodotto più adatto alle sue esigenze.
Questa fase di imballaggio rigorosamente manuale è l’ultima fase di controllo prima i capi Accapi vengano distribuiti nel mondo.

Intuendo le potenzialità di questa nuova tecnologia nel settore sportivo, Chiaruttini decide di utilizzarla per creare nuove linee rinnovando così il proprio impegno nel mondo della ricerca con programmi di stretta collaborazione con prestigiose Università Italiane ed Estere che oltre a confermare l’efficacia di questa fibra sia nello sport che nel benessere consentono di ottenere dal Ministero della Salute, nel novembre del 2008, il riconoscimento e la registrazione dei supporti ortopedici della linea Accapi “Bodyguard” come “Dispositivi Medici”.

?

Accanto alla produzione tradizionale viene quindi creata una speciale sezione, Accapi FIR dedicata alla progettazione ed alla realizzazione di nuovi prodotti destinati non solo agli sportivi, sia durante la performance che nella fase di recupero, ma anche all’impiego nel tempo libero e nei momenti del relax.